Rifiuti, amministratori cavesi in trasferta a Capannori per studiare la raccolta differenziata

Nonostante l’incremento delle sanzioni la città metelliana continua ad essere invasa da cumuli di rifiuti, specie nelle zone periferiche. In questi giorni, una delegazione di amministratori comunali, capeggiati dall’assessore all’ambiente Nunzio Senatore, è a Capannori, una cittadina in provincia di Lucca che ha una percentuale di raccolta differenziata significativa, per capire come funziona l’intero sistema rifiuti e se possibile importare tali attività virtuose anche a Cava. Ospiti del sindaco Luca Menesini, dell’assessore all’ambiente, Matteo Francesconi e del presiedente della municipalizzata di servizi ambientali, Ascit, Maurizio Gatti, alla delegazione cavese sono state illustrate le “best practice” nel campo ambientale che hanno permesso di raggiungere l’85 per cento di raccolta differenziata ed essere un punto di riferimento in ambito internazionale.
Un confronto proficuo in cui sono state affrontate le tematiche riguardanti le tappe per raggiungere l’obiettivo “rifiuti zero” e le modalità della “tariffa puntuale” che consentono una raccolta differenziata spinta, una riduzione dei rifiuti conferiti in discarica, una gestione virtuosa dell’igiene urbano, dell’isola ecologica e una città pulita.
Nel frattempo il sindaco Vincenzo Servalli, ai nostri microfoni ha annunciato altre novità sul fronte della lotta al sacchetto selvaggio.

Related posts