Marina d’Arechi: il Governo vende le sue quote.

Salerno. Nuovo importante riconoscimento per il Marina d’Arechi. Infatti, il Salerno Port Village nei giorni scorsi ha ottenuto dal Rina, il più autorevole ente italiano certificatore della nautica da diporto, la certificazione di Marina Excellence 2015, con ben 4 timoni su 5 e 3 stelle su 3 per i servizi dedicati ai superyacht. Sono stati tre in particolare i punti di forza riscontrati dai valutatori del Rina: la vicinanza a numerosi punti di interesse, la posizione strategica e baricentrica di Salerno nel sistema dei trasporti nazionale e la straordinaria qualità dell’offerta infrastrutturale. Nel frattempo, però, dal Ministero dell’Economia arrivata una brusca accelerata per quanto riguarda la vendita, attraverso la società controllata Invitalia, di cinque porti turistici italiani, tra cui spicca anche il Marina d’Arechi di Salerno. In realtà, si tratta dell’ultimo atto di un’operazione avviata circa 10 anni fa dal Ministero e che puntava ad attirare investitori sui porti dopo un primo intervento pubblico. Dopo una serie di vicissitudini giudiziarie, nei giorni scorsi dal via XX settembre è arrivato il via libera definitivo. Nel caso del Marina d’Arechi, la quota che lo Stato dovrà cedere è pari al 32 %.
All’asta, poi, finiranno anche moli e pontili di Capri, la marina di Portisco in Costa Smeralda, il porto delle Grazie a Roccella Jonica e l’area di Porto Lido a Trieste. In totale circa 2.500 posti barca disseminati lungo le più belle e conosciute coste italiane. Così sta avvenendo in Grecia, l’obiettivo è quello di fare cassa.

Related posts