Cavese: esordio amaro per gli aquilotti

Debutto amaro e non preventivato per la Cavese di mister Longo al neutro di Volla e difronte alle telecamere di RTC QUARTA RETE CHE HA TRASMESSO L’INCONTRO IN DIRETTA. Nella gara d’esordio contro il Città di Gragnano, neopromossa in serie D, gli aquilotti – ancora in rodaggio – pagano pegno e a determinare l’esito del derby al “Borsellino” è il rigore di Leone.
Eppure l’inizio arrembante dei metelliani aveva lasciato presagire ben altri scenari. La formazione di Longo infatti – nel corso del primo tempo – si è data da fare per tenere impegnato il giovane portiere avversario, affidandosi soprattutto all’offensiva di D’Anna. Al 15’ l’attaccante ha toccato la palla a pochi passi dall’estremo difensore, ma la sua conclusione debole è stata salvata da Loreto; al 24’ ha concluso a fil di palo sfiorando il gol per un soffio; e al 35’ – su punizione battuta da Di Deo – si è fatto respingere il tiro dal portiere De Marino.
Ad inizio ripresa la prima conclusione del Gragnano: al 50’ il terzino De Biase ha sparato oltre la traversa, poi all’56’ è stato Odierna a tirare andando più vicino al bersaglio. La Cavese è sembrata spegnersi anche dal punto di vista psicofisico e al 63’ ha subìto il calcio di rigore: Leone ha infatti conquistato palla nel rettangolo dell’area di rigore ed è andato giù sull’intervento di Ausiello. Dal dischetto è lo stesso Leone a realizzare il gol dell’1-0. Uno svantaggio che costringe Longo a puntare tutto sul reparto offensivo per riprendere in pugno la gara. In pieno recupero la Cavese riesce così a rendersi nuovamente pericolosa: tiro di Di Deo respinto da De Marino, ma sulla ribattuta Del Sorbo manca completamente lo specchio della porta.
Un avvio che ha lasciato interdetti gran parte dei tifosi costretti a seguire la gara in tv, ma per la Cavese c’è tutto il tempo di riprendersi, d’altronde il campionato è solo all’inizio.

Related posts