Cava de’Tirreni: Streetart&Streetwear

Sabato 21 aprile è stata inaugurata la mostra di Street Art del giovane talento cavese, Giovanni Palumbo. Da sempre legato al mondo dell’arte, Giovanni trova in essa il massimo senso di espressione e di realizzazione del proprio essere. “Disegnare e creare è una cosa che faccio fin da bambino, senza alcun limite di stile o materiale. Ho sempre ammirato, osservato, trasformato e rappresentato tutto ciò che mi circonda.” È così che Giovanni Palumbo, inizia a raccontarsi.

Gone Yhc è il nome d’arte che ha scelto, il significato è volutamente nascosto. Vuole, così, tracciare un’aura di mistero, su cui in fondo gioca con le sue creazioni. Non c’è superficie o materiale che nelle mani di Gone YhC non assuma personalità; ferro, legno, acciaio, ceramica, cera e carta sono materiali di uso comune che l’artista sfrutta per plasmare le sue idee. “Tutto ispira la mia creatività, ogni cosa che mi circonda, ma in particolare le strade e la montagna, due cose che mi hanno formato. La natura è un po’ come una seconda madre, ha forgiato il mio carattere e i miei sentimenti, l’ho ammirata nella sua varietà, nella sua capacità di rigenerarsi e di trasformarsi sempre, nella sua purezza e antichità, e l’ho disegnata spesso, al massimo delle mie capacità”.
“Intuizione ed Istinto” sono le parole chiave che portano l’artista all’atto creativo, ed è proprio guardando i graffiti dei videoclip dei suoi rapper preferiti che Gone YhC trova nella Street Art la strada più vicina al suo linguaggio artistico e che intraprende istintivamente per raggiungere l’acme della sua personalità. È stato un ragazzo romano, trasferitosi nel comune di Cava de’ Tirreni ad introdurlo all’arte urbana ed è con lui che ha fondato la D.C.C., Dangerous Crew Cava. Il progetto iniziale, aperto ai soli writer, si amplia e si trasforma in Y.H.C., Young Hope Cava, una crew formata anche da MC’s che spera di portare nel territorio campano un po’ della cultura dei sobborghi newyorkesi.
Con lo scioglimento della Y.H.C. le convinzioni di Giovanni iniziano a vacillare, si isola e realizza che i graffiti sono un’arte fine a se stessa e a chi, come lui la pratica, capisce che invece ha voglia di parlare a un pubblico più esteso a cui trasmettere le sue emozioni, e trova nella street art il suo alleato.
Gone YhC riversa la sua arte anche su un semplice pezzo di stoffa, personalizzando un semplice paio di sneakers o qualsiasi altro indumento, rendendoli così unici e inimitabili. La mostra sarà aperta fino al 31 maggio presso Inside Store di Cava de’Tirreni, riservando al pubblico uno scenario magnifico in cui la street art e l’Urban Style creano un connubio perfetto.

Related posts