Castellabate e Enel X: In prima linea per lo sviluppo della mobilità e la creazione di percorsi turistici a zero emissioni in Campania

Castellabate, 9 agosto 2018 – Castellabate e Enel X in prima linea per lo sviluppo della mobilità sostenibile e la creazione di percorsi turistici a zero emissioni in Campania. Sono state infatti  inaugurate questa mattina le tre infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici installate da Enel X, l’Unità del Gruppo Enel dedicata allo sviluppo di prodotti innovativi e soluzioni digitali, nel comune del Cilento.

Al taglio del nastro della colonnina situata in Piazza Lucia erano presenti il primo cittadino del comune di Castellabate, Costabile Spinelli e l’Amministratore delegato di Enel, Francesco Starace. L’iniziativa è frutto della positiva collaborazione fra ente e azienda, che ha portato alla sottoscrizione di un protocollo di intesa per l’installazione in aree strategiche del territorio comunale di tre nuove stazioni di ricarica dotate di appositi stalli per la sosta delle automobili e dei motocicli.
Le altre due colonnine si trovano nell’area di manovra autobus a Borgo Castellabate e in Piazza Punta dell’Inferno.

“Ringraziamo Enel, la più grande azienda elettrica del Paese, per la sensibilità dimostrata nell’attenzione ai temi dell’energia rinnovabile – ha detto il Sindaco di Castellabate, Costabile Spinelli – e per la scelta di coinvolgere in questo ambizioso progetto oltre alle grandi città, anche territori più piccoli ma a forte vocazione turistica come Castellabate. Ha affermato l’Amministratore Delegato di Enel Francesco Starace “La mobilità elettrica è vincente non soltanto nell’ambito dei grandi centri urbani ma diventa un importante strumento di attrazione e accoglienza turistica, valorizzando le bellezze del nostro territorio, nel cuore del Parco Nazionale del Cilento, dichiarato patrimonio mondiale dell’umanità dall’Unesco. L’auto a emissioni zero è il mezzo ideale per scoprire i più bei borghi italiani: una rete infrastrutturale di ricarica estesa ai principali luoghi d’arte e alle strutture turistico-ricettive è un fattore decisivo per contribuire allo sviluppo del settore, migliorandone la qualità dell’offerta con una notevole riduzione dell’inquinamento acustico e atmosferico, e rafforzando la competitività del nostro Paese”.

Related posts